Lo studio legale Corriere è specializzato in diritto di famiglia, diritto dei minori, trust, patti di convivenza e responsabilità medica sia in campo civile che penale. Si occupa, in sede civile, di cause di divorzio, separazioni, annullamento di matrimonio, procedimenti relativi all’affidamento della prole, processi davanti al Tribunale per i minorenni, procedure di amministrazione di sostegno, tutele, curatele. L’avv. Corriere, in campo penale, si occupa di maltrattamenti in famiglia, abusi sui minori, stalking, responsabilità medica. Nelle cause di diritto di famiglia pone al centro della sua attenzione gli interessi della prole che non deve mai essere alienata o usata come strumento di belligeranza ai danni dell’altro coniuge. I figli devono essere tutelati nella loro sana crescita psicofisica e a loro deve essere garantito un concreto e reale diritto alla bigenitorialità. L’ambito della propria attività si svolge in tutto il territorio nazionale Cura la formazione professionale degli avvocati in tema di diritto di famiglia e diritto dei minori; è stata anche relatore in corsi di formazione per magistrati, organizzati insieme con la Scuola Superiore della Magistratura. È presidente dell’AMI, Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani del distretto di Catanzaro e componente del suo direttivo nazionale. Scrive articoli giuridici su riviste specializzate e siti giuridici on line.

 



NEWS:


Differenza tra mutatio ed emendatio libelli:

Il divieto di domande nuove nel nostro processo civile obbliga le parti a proporre tutte le domande sin dalla fase introduttiva del giudizio, con conseguente possibilità di dedurre nuove pretese nel corso della lite solo in via del tutto eccezionale. Si parla pertanto di mutatio libelli quando si ha un radicale mutamento della domanda processuale, vietato dalla normativa vigente (...)

CONTINUA

Corte di Cassazione sentenza n. 18833/2018: Si può raffigurare il delitto di maltrattamenti in famiglia se i figli sono costretti ad assistere a continue discussioni violente tra i genitori:

Nel caso in esame la Cassazione si è pronunciata sul ricorso promosso da una donna condannata in concorso con il convivente per il reato ex art. 572 c.p. di maltrattamenti in famiglia ai danni dei loro due figli minori. Ed infatti i giudici di merito avevano ritenuto che i maltrattamenti erano rappresentati da tutti i litigi (...)

CONTINUA

Cassazione VI Sezione Civile Ordinanza del 10 maggio 2018 n. 11279:

Nel procedimento di separazione personale dei coniugi, i provvedimenti adottati dal giudice istruttore, ex art. 709, ultimo comma, c.p.c., di modifica o di revoca di quelli presidenziali, non sono reclamabili poiché è assicurata l'effettività della tutela delle posizioni soggettive mediante la modificabilità e la revisione, a richiesta di parte, dell'assetto delle condizioni separative (...)

CONTINUA

Corte di Cassazione sezione sesta penale sentenza n. 36503/2011: sono colpevoli di maltrattamenti in famiglia la madre e il nonno materno che, con atteggiamenti iperprotettivi, connotati da gravi deprivazioni psico-affettive e sociali, annullano la figura paterna, costringendo addirittura la bambina a farsi chiamare con il cognome materno:

La Suprema Corte conferma la condanna per maltrattamenti in famiglia ex art. 572 c.p. della mamma e del nonno materno di una bambina, ritenuti colpevoli di aver avuto un comportamento iperprotettivo, caratterizzato anche da deprivazioni sociali e psicologiche, concretizzatesi nella rimozione della figura paterna (...)

CONTINUA

Cassazione ordinanza n. 21215/2017: l’Affidamento esclusivo all’altro genitore dipende dalla inadeguatezza della madre ad esplicare il proprio ruolo genitoriale, a prescindere dal fatto che la sua condotta sia ascrivibile alla sussistenza o meno della sindrome di alienazione parentale:

È quanto ha statuito la Suprema Corte con l’ordinanza n. 21215/2017 all’esito del giudizio sostenuto da una madre che censurava la sentenza della Corte d’Appello di Napoli che aveva confermato l’affidamento esclusivo della figlia al padre; (...)

CONTINUA

Se il figlio ha un rapporto fusionale con la madre viene preferito il collocamento dal padre onde favorire una crescita psicofisica equilibrata del minore:

La sesta sezione civile della Suprema Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 23324 del 2016, ha affermato che se il figlio ha un rapporto fusionale con la madre è bene disporre il suo collocamento prevalente presso il padre per un corretto ed equilibrato sviluppo della crescita del bambino. Infatti secondo la Corte tale tipo di relazione è sintomatica di un rapporto disfunzionale madre-figlio (...)

CONTINUA

Cassazione sentenza n.22314/2017: niente mantenimento per la figlia trentacinquenne che non si attiva per trovare una occupazione:

Con la sentenza n. 22314/2017 la Cassazione revoca l’obbligo di mantenimento posto a carico di un genitore nei confronti della figlia trentacinquenne che, dal compimento del diciottesimo anno, non si era mai attivata concretamente per trovare un lavoro né, d’altra parte sussisteva alcuna circostanza che giustificasse tale atteggiamento quale (...)

CONTINUA

Cassazione Civile sentenza 3 febbraio 2018 n.2620:

Per quanto riguarda l’assegno di mantenimento dei figli non si devono ignorare le modifiche delle condizioni di vita delle parti quando incidano sul quantum dello stesso assegno. Nel caso in esame la Corte di Appello aveva omesso di considerare, nello stabilire l’aumento dell'assegno di mantenimento per la figlia maggiorenne, le esigenze e le necessità degli altri tre figli che il genitore obbligato frattanto aveva avuto, (...)

CONTINUA

Corte di Cassazione sentenza 30 gennaio 2017 n.2224: gli accordi preventivi aventi ad oggetto l'assegno di divorzio sono nulli:

Ricordiamo che in materia matrimoniale sussiste il principio di indisponibilità dei diritti: gli accordi riguardanti l’assegno divorzile in vista del divorzio sono nulli per illiceità della causa, attesa la natura assistenziale dell'assegno di divorzio. Nella fattispecie esaminata la Corte d'Appello aveva revocato l'assegno di divorzio sul rilievo che il marito aveva versato alla moglie anni prima una somma ingente che doveva ritenersi (...)

CONTINUA

Sito aggiornato al: 6/07/2018